Delibera Tetti puliti a Roma

Pubblicato il

Molti ne hanno sentito parlare ma pochi sanno veramente di cosa si tratta. L’operazione Tetti puliti è una delibera comunale che si pone come obiettivo l’eliminazione delle antenne che ricoprono i tetti e le facciate degli edifici e sicuramente non contribuiscono a migliorare lo skyline della Capitale.

La Delibera in questione è la numero 39 del 2015 che resterà in vigore fino al 31 dicembre del 2017. La Delibera funziona sostanzialmente da incentivo per i singoli cittadini e i condomini a ripulire gli edifici residenziali da cavi elettrici, vecchie antenne e antiestetiche parabole.

La Delibera del Comune di Roma serve anche a bonificare gli edifici dall’amianto e a realizzare impianti comuni di risparmio energetico. Oltre ad una finalità puramente estetica e che salvaguarda l’estetica di Roma, serviva e serve ancora per dare un forte impulso ai settori dell’edilizia e dell’artigianato.

In seguito all’emanazione della Delibera, infatti, la Confederazione Nazionale Artigianato e delle Piccole e Medie imprese ha dato origine ad una rete di imprese, esperti e consulenti a cui cittadini e condomini possono rivolgersi per richiedere preventivi e far eseguire i lavori.

La decisione della giunta capitolina è stata sostenuta da numeri impressionanti: a Roma si contano 1,3 milioni di antenne, la cui metà risulta inattiva, 400mila parabole, per un totale di abitazioni interessate che supera le 240mila unità.

Gli incentivi previsti riguardano l’esenzione dalla COSAP, il Canone Occupazione Spazi e Aree Pubbliche, per chi effettua interventi di rimozione delle antenne mediante la sostituzione con impianti centralizzati, con un risparmio previsto del 20% sul totale pagato dai cittadini per la realizzazione dei lavori. Inoltre, la Delibera prevede un ulteriore sconto del 10% per i condomini che installano maxi cartelloni pubblicitari sui ponteggi.

C’è ancora tempo fino al 31 dicembre 2017 per richiedere le esenzioni, ma solo fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *