Ecosostenibilità per le ristrutturazioni edilizie

Pubblicato il

Se per le nuove costruzioni, la normativa vigente obbliga il costruttore ad utilizzare fonti rinnovabili per una percentuale fissata del fabbisogno energetico, non ci sono ancora limiti e imposizioni legislative per quanto riguarda le ristrutturazioni.

Ma, se avete pianificato degli interventi di ammodernamento di un edificio residenziale, è bene tenere a mente le tantissime opportunità eco-compatibili: dalla scelta dei materiali, allo smaltimento dei vecchi, dall’isolamento termico alla riduzione dei consumi energetici. Come abbiamo visto nei precedenti articoli, lo Stato garantisce alcune detrazioni fiscali per chi effettua delle scelte green per la ristrutturazione della propria abitazione.

Una delle voci di spesa della gestione della casa riguarda indubbiamente il consumo di energia per riscaldare o raffreddare case e appartamenti. A questo scopo, appare pertanto indispensabile procedere a dei lavori di isolamento termico dell’edificio, agendo sul suo involucro, ossia infissi, pareti e tetto. L’energia risparmiata a seguito di questa tipologia di interventi, può arrivare fino al 30%, ammortizzando quindi con estrema velocità le spese sostenute.

Per una scelta 100% sostenibile, è bene prestare attenzione anche alla scelta dei materiali che vengono utilizzati per l’isolamento termico, ossia per il cappotto esterno dell’edificio. Sul mercato edilizio e ingegneristico sono molte le possibilità: ad esempio, invece di utilizzare materiali di derivazione chimica, è possibile scegliere materiali naturali, quali la canapa, il sughero e le fibre di cellulosa, che oltre ad isolare perfettamente l’edificio, non incidono negativamente sull’igroscopicità e sulla traspirabilità, annullando completamente il fenomeno della condensa.

Se volete intervenire anche sul profilo impiantistico della vostra abitazione, fermatevi a riflettere sull’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. Ci riferiamo all’installazione di impianti fotovoltaici o a quelli solari termini, finalizzati alla produzione di acqua calda per uso sanitario e per l’integrazione dell’impianto di riscaldamento.

Continuate a seguirci per scoprire tante altre soluzioni per una ristrutturazione ecosostenibile della vostra casa.

Ci trovate anche su Facebook e Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *