Scia Antincendio Struttura Sanitaria

Scia Antincendio Struttura Sanitaria

[et_pb_section bb_built=”1″ _builder_version=”3.0.47″ custom_padding=”70px|0px|2px|0px”][et_pb_row use_custom_width=”on” custom_width_px=”1070px” custom_padding=”0|0|34px|” _builder_version=”3.0.106″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” module_alignment=”center”][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_text _builder_version=”3.0.106″ header_font=”Lato|700|||||||” header_text_color=”#ef7802″ header_2_font=”Lato|||on|||||” header_2_font_size=”30px” header_2_letter_spacing=”1px” header_2_line_height=”1.4em” header_3_font=”Lato|700||on|||||” header_3_font_size=”14px” header_3_text_color=”#ef7802″ header_3_letter_spacing=”1px” header_3_line_height=”2em” background_layout=”light”]

INGEGNERIA

Scia Antincendio Struttura Sanitaria

[/et_pb_text][et_pb_divider color=”#ef7802″ show_divider=”on” divider_weight=”2px” height=”2px” _builder_version=”3.0.106″ max_width=”60px” module_alignment=”left”]

 

[/et_pb_divider][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_2″][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row use_custom_width=”on” custom_width_px=”1067px” custom_padding=”0|0|84px|” _builder_version=”3.0.106″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” module_alignment=”center”][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_image src=”https://ectmricciotti.eu/wp-content/uploads/2018/03/antincendio3.jpg” _builder_version=”3.0.106″ show_in_lightbox=”off” url_new_window=”off” use_overlay=”off” always_center_on_mobile=”on” force_fullwidth=”off” show_bottom_space=”on”]

 

[/et_pb_image][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_text _builder_version=”3.0.106″ text_font=”Lato||||||||” text_text_color=”#000000″ text_letter_spacing=”1px” text_line_height=”2em” max_width=”550px” background_layout=”light” text_orientation=”justified”]

La prevenzione incendi nelle strutture sanitarie

Lo studio ECTM si è occupato della redazione documentale e della presentazione della SCIA antincendio per la Struttura Sanitaria INI Canistro presso il polo di competenza dei Vigili del Fuoco.

Il Gruppo INI, Istituto Neurotraumatologico Italiano, è articolato in più Divisioni tutte abilitate al ricovero, all’assistenza specialistica ambulatoriale e tutte accreditate con il Servizio sanitario nazionale.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row use_custom_width=”on” custom_width_px=”1067px” custom_padding=”0|0|22px|” _builder_version=”3.0.106″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” module_alignment=”center”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text _builder_version=”3.0.106″ text_font=”Lato||||||||” text_text_color=”#000000″ text_letter_spacing=”1px” text_line_height=”2em” text_orientation=”justified” background_layout=”light”]

La sede INI Divisione Canistro, è costituita da un complesso edilizio indipendente di quattro piani fuori terra e due piani seminterrati con annessi altri corpi di fabbrica di più piccola entità. La capienza della struttura è di 110 posti letto, di cui 34 operativi. In base al D.P.R.  n.15/2011 ricade, per quanto concerne le attività sottoposte ai controlli di prevenzione incendi, nella Categoria C definita come Attività n. 68 “Strutture sanitarie che erogano prestazioni in regime di ricovero ospedaliero e/o residenziale a ciclo continuativo e/o diurno, case di riposo per anziani con oltre 25 posti letto”.

Al fine del rilascio dell’autorizzazione lo Studio ha preventivamente individuato una serie di interventi e disposizioni da attuare. Si è verificato che nei piani seminterrati le Compartimentazioni Antincendio avessero caratteristiche di resistenza al fuoco non inferiori a REI 90, mentre per i piani fuori terra REI 60. È stata esaminata la rete idrica antincendio con i suoi idranti a colonna, le cassette con gruppi attacco autopompa dei VV.FF. esterne e le cassette con idranti interne. Una particolare analisi ha interessato l’impianto di rivelazione incendi piano per piano, i pulsanti per allarme incendio e la dislocazione degli estintori. I requisiti di resistenza al fuoco dei singoli elementi strutturali e di compartimentazione nonché delle porte e degli altri elementi di chiusura, sono stati valutati in base al decreto ministeriale 09/03/2007.

Per ogni piano si è verificata la possibilità di evacuazione individuando la corretta strutturazione delle vie di esodo (scale, rampe, ascensori e montacarichi), il massimo affollamento, la capacità di deflusso, lunghezza e larghezza delle vie di uscita, i sistemi di apertura porte, la segnaletica di sicurezza.

Oltre all’attività principale, quale la struttura ospedaliera, sono state individuate Attività classificate come secondarie quali la Centrale Termica, la Cucina a gas GPL con potenzialità superiore a 116 kW e i gruppi elettrogeni, per ciascuna delle quali lo Studio ECTM ha redatto opportuna SCIA antincendio.

Ricadendo l’Istituto nella Categoria C, in quanto attività ad elevato rischio e complessità tecnico-gestionale, il Ns. Studio ha richiesto, come da normativa, parere preventivo di conformità del progetto elaborato. I Vigili hanno rilasciato nel termine dei 60 giorni la conformità. A questo punto si è seguito l’iter della SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività ottenendo il così il Certificato di Prevenzione Incendi.

[/et_pb_text][et_pb_image src=”https://ectmricciotti.eu/wp-content/uploads/2018/03/Img-Art-1080×500.jpg” _builder_version=”3.0.106″ force_fullwidth=”on” show_in_lightbox=”off” url_new_window=”off” use_overlay=”off” always_center_on_mobile=”on” show_bottom_space=”on”]

 

[/et_pb_image][et_pb_text _builder_version=”3.0.106″ text_font=”Lato||||||||” text_text_color=”#000000″ text_letter_spacing=”1px” text_line_height=”2em” text_orientation=”justified” background_layout=”light”]

Lo Studio possiede tutte le competenze tecniche e specialistiche per poter redigere le dichiarazioni, attestazioni, asseverazioni e relativi elaborati tecnici richiesti per una SCIA antincendio. Assicura una gestione della pratica in tutte le sue fasi fino all’ottenimento dell’autorizzazione finale, nel pieno rispetto della normativa vigente.

 

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *